Aconitum napellus L. emend. Skalický

ACONITO
(fotografato al Monte Schiara - Veneto)

Ranunculaceae. Pianta perenne, robusta, alta 60-150cm, radice a fittone, ramificata in tubercoli con molte radichette e fusto eretto, generalmente semplice in alto. Foglie, 2-3 palmatosette, alterne, divise in segmenti stretti un paio di mm. verdi nella pagina superiore e biancastre in quella inferiore, glabre, tranne quelle sotto le infiorescenze, che sono pubescenti. L'infiorescenza, a spiga terminale densa, è costituita da numerosi fiori pentasepali viola scuro, ermafroditi, di 2-3 cm, ciascuno dei quali ha il petalo superiore foggiato ad elmo in modo molto caratteristico. I frutti sono dei follicoli piccoli, piatti e rugosi. Fiorisce luglio- agosto
Pascoli alpini e prati pingui attorno alle malghe ed alle concimaie, più raramente nei prati subalpini o ai margini dei boschi. La pianta viene coltivata anche come ornamentale.
Il nome proviene dal greco akòniton oppure en akoneis cioè che cresce sulle aspre rupi, oppure nome di una pianta usata nell'antichità per preparare esche avvelenate per topi. Inoltre il nome della specie deriva dal latino napellus, diminutivo di napus, cioè cavolo navone, che ha grosse radici.
VELENOSA, PROTETTA.
va ad aconitum paniculatum
torna ad A
torna all'indice