(fotografato a Ciampino-Lazio)

Allium neapolitanum Cirillo
AGLIO BIANCO


Amaryllidaceae. Pianta erbacea, bulbosa con bulbo contornato da numerosi bulbilli generalmente rossastri e con steli fiorali alti 20-50 cm, privi di foglie, con sezione trasversale a contorno triangolare con due angoli acuti ed uno ottuso. Le foglie nastriformi, in numero di 2 o 3 sono lunghe fino a 35 cm, inguainano le stelo per un quarto della sua lunghezza e sono carenate nella pagina inferiore. L’infiorescenza è un’ombrella densa, larga fino a 9 cm, a forma più o meno emisferica che inizialmente è avvolta da una spata papiracea ad una sola valva che ha forma ovata e acuminata, persistente anche dopo la fioritura. I fiori bianchi, profumati, ermafroditi, con 6 petali smussati e antere scure che ingialliscono con l’età, hanno forma di stella della dimensione massima di due cm, e sono portati da peduncoli fiorali tutti più o meno della stessa lunghezza che sono più lunghi della spata e tre volte più lunghi dei fiori. Sono impollinati da api ed altri insetti. Il frutto è una capsula circondata dai tepali disseccati. Fiorisce Maggio - Giugno.
Terreni ombrosi e umidi, prati, parchi, vigne, bordi stradali, giardini, radure boschive, dal piano fino a 800 m. Originaria della regione mediterranea dove è ovunque distribuita in Italia
Come la maggior parte degli Allium, contine l' allicina, che gli conferisce proprietà ipotensive, antibiotiche, disinfettanti, ipoglicemizzanti. Inoltre ricerche recenti indicano che ha benefici effetti sulle malattie cardiovascolari. In cucina può essere consumato crudo in insalata o cotto per insaporire minestre e pietanze. Viene utilizzato nella preparazione di repellenti contro tarme ed altri insetti ed anche, a volte, nei giardini come pianta ornamentale.
Scheda realizzata da Giuliano Salvai dal sito acta naturae

va allium nigrum
torna ad A
torna all'indice