(fotografata nel Gargano - Puglia)
Asphodeline lutea (L.) Rchb.
ASFODELO GIALLO

Xanthorrhoeaceae. Pianta perenne, alta 60-120 cm, con radice ingrossata come quella di una rapa.
Foglie lineari, mucroate, rigide, triangolari in sezione trasversale.
Fiori gialli, lunghi 2-3 cm, in un racemo denso e lungo 10-15 cm, segmenti del perianzio con una nervatura centrale verde, piuttosto irregolari, gli inferiori più lunghi e più stretti; brattee ovali, acuminate, più lunghe dei pedicelli, sbocciano in giugno-luglio.
Pascoli asciutti, dirupi sassosi.
Europa meridionale ed occidentale, bacino del Mediterraneo. Coltivata.
Il nome del genere dall’antico nome greco di questa pianta "asphodelos" composto da "alfa" non, senza e “sphállo” cadere, vacillare: che non vacilla che perdura. Luteus in latino indica il giallo oro, l'arancione, il rossastro. In questo caso il riferimento è al colore del fiore di un giallo sgargiante. Nella mitologia greca l'asfodelo era considerato il fiore tipico del regno dei morti.
va ad asphodelus albus
torna ad A
torna all'indice