(fotografata a Calagonone-Sardegna
substrato: detrito di falda calcareo)

Avena fatua L.
AVENA SELVATICA

Poaceae. Alta 60-100 cm, con fusti eretti che portano vistose pannocchie con spighette provviste di due grandi piume, dalle quali sporgono due lunghe reste.
Ogni spighetta Ŕ circondata da due grandi glume e contiene due fiori fertili.
Le glumette inferiori (lemme) sono provviste ciascuna di una lunga resta, piegata e spiralata nella metÓ superiore. Alla base delle reste la lemma Ŕ pelosa e setolosa.Fiorisce da maggio ad agosto.
Margini delle strade, incolti, ruderi, suoli aridi e disturbati, in tutta Italia.
Molte specie di Avena erano un tempo fonti alimentari, cariossidi di avena fatua sono state trovate in villaggi europei dell'etÓ del bronzo, risalenti a 7.000 a.c.. Le avene oggi coltivate, derivano da "avena sterilis" che si differenzia da "avena fatua" dalla pannocchia con rami meno numerosi e riuniti in una sola direzione (poco frequente nell'Italia settentrionale).
va ad Avenella flexuosa
torna ad A
torna all'indice