(fotografata a Villa dei Quintili-Roma-Lazio)
Euphorbia helioscopia L.
ERBA CALENZUOLA

Euforbiacee. Erbacea annuale alta 10-40 cm con fusti eretti o ascendenti, generalmente ramificati alla base, pubescenti soprattutto in alto.
Le foglie alterne hanno la lamina obovato-spatolata, arrotondata e leggermente dentellata all'apice, ottuse, intere con un piccolo mucrone, sono di color verde-chiaro, lunghe fino a 7 cm, e sono disposte nella parte superiore dei rami dove rimangono dalle prime piogge autunnali sino all’inizio dell’estate, epoca in cui si colorano di rosso per la produzione di pigmenti antocianici, e quindi cadono (estivazione) per limitare la traspirazione meglio affrontando in tal modo la siccità estiva. Le infiorescenze sono delle ombrelle a 5 raggi, ogni ciazio circondato da brattee obovate di colore verde-giallognolo, è formato da un involucro a lobi bifidi con delle ghandole ovali di solito giallastre. Fiorisce da aprile a ottobre.
Incolti, prati aridi, macerie dal piano a 1200 m. Diffusa in gran parte delle regioni del mondo, in Italia è comune in tutto il territorio.
Il genere ha preso il nome Euphorbia da un uomo chiamato Euphorbos, medico di re Giuba di Mauretania nel I secolo a.c. il quale avrebbe usato la pianta per scopi curativi nell'Africa del Nord.
va a euphorbia myrsinites
va a E
torna all'indice