(fotografata al Gransasso-Abruzzo)

Gentiana lutea L.
GENZIANA MAGGIORE

Gentianaceae. La pių vistosa tra le genziane ad alto fusto.
Arbusto con radici pesanti fino a 6 kg, fittonose, ramose, che servono per la preparazione di distillati.
Fusto alto 15- 120 cm, semplice, eretto, fistoloso, con foglie opposte, ellittiche lunghe fino a 30 cm e larghe fino a 15 cm.
Foglie glauche, con nervature convergenti, ellittiche.
Fiori di colore giallo dorato, brevemente peduncolati, disposti in pleiocasi. 8- 10 fiori situati in ascelle di grandi brattee a forma di bacinella, calice unilateralmente inciso.
Corolla rotata, incisa quasi fino alla base. Il nettare alla base dell'ovario č facilmente accessibile ai pronubi.
Antere libere, non concresciute.
Contiene in tutte le sue parti, ma suprattutto nella radice, sostanze amare e tannini.
Pianta medicinale digestiva e febbrifuga, veniva spesso coltivata durante il medioevo.
Le radici vengono aggiunte come aromatizzanti all'acquavite di genziana e ad altri liquori.
Pianta rara, cresce nei prati sciolti, pascoli alpini, alpeggi, in terreni sciolti, calcarei, presente in piccoli gruppi nel suo habitat.

va a Gentiana nana
torna a G
torna all'indice