(fotografato a Esperia- Monti Aurunci- Lazio)


(fotografato a Manfredonia-Gargano-Puglia)

Gladiolus italicus Mill.
GLADIOLO DEI CAMPI


Iridacee.Erbacea perenne con fusto eretto, glabro, cilindrico, alto 40-70 cm, che si sviluppa da un bulbo globoso-piriforme, largo 1-2 cm, avvolto in tuniche scure, fibrose, irregolarmente reticolate.
Foglie larghe 1-2 cm, erette, lineari-spadiformi, acuminate all'apice.L'infiorescenza una spiga distica, con l'asse leggermente a zig-zag. che porta da 5 a 15 fiori, quasi sessili, avvolti alla base da una brattea lineare e da una spata lanceolata lunga 3-4 cm.Il perigonio lungo 4-5 cm, di colore rosa-viloetto pi o meno intenso, formato da un breve tubo ricurvo e da 6 lacinie ineguali tra loro. Fiorisce da aprile a maggio.
Coltivi, luoghi incolti, aree antropizzate dal piano a 700 m. Propria delle zone temperate dell'Europa mediterranea, in Italia era una pianta comune e diffusa come infestante dei cereali in quasi tutto il territorio. Attualmente sta scomparendo a causa del massiccio impiego di concimi chimici e diserbanti.
va a gladiolus palustris
torna a G
torna all'indice