(fotografato a Calagonone-Sardegna)
Glebionis coronaria (L.) Spach
CRISANTEMO GIALLO

Asteraceae. Pianta erbacea annuale con intenso odore aromatico, fusto eretto-ascendenti, alti 60-120 cm,robusti e lignificati alla base, molto ramificati, foglie 2-pennatosette con segmenti di secondo ordine inciso -dentati, fiori in capolini su peduncoli ingrossati, squame dell'involucro scure verso l'esterno, con margine scarioso, fiori centrali tubulosi e gialli, i periferici ligulati e giallo o bianco e gialli, frutto ad achenio privo di pappo, trigono nei frutti centrali; tetragono in quelli periferici. Fiorisce da aprile a giugno.
Vegetazione ruderale, prati aridi mediterranei subnitrofili, comunissima, dalla fascia costiera a quella submontana (da 0 a 900-1000 m). Terofita scaposa. Circum-Mediterranea.
Il significato etimologico del genere attuale è sconosciuto, mentre quello dell'ex genere Chrysanthemum, dal greco chrysos = oro ed anhtos= fiore, fior d'oro per il colore dei suoi fiori, ed il nome specifico coronarium, deriva dal latino corona, così denominata per la disposizione dei suoi fiori. Le foglie ed i giovani germogli sono commestibili e vengono usati come verdura e per aromatizzare alcune pietanze.
Ritenuta pianta infestante ma seguito di alcune ricerche del CNR, sembra possedere delle proprietà interessanti per gli ovini al pascolo infatti agevola la produzione di latte. Inoltre è ricca di olii essenziali.
va a Glebionis segetum
torna a G
torna all'indice