(fotografata al Parco di TorTreTeste- Roma-Lazio)

(fotografata al Lago Albano -Lazio)
Malva sylvestris L.
MALVA SELVATICA

Malvaceae. Pianta erbacea perenne o annua, con radice a fittone carnosa e ramificata.
Fusto prostrato o ascendente, a base legnosa, robusto, ramificato-cespuglioso, fibroso, striato, ispido, alto 30-100 cm.
Foglie spiralate, con piccole stipole triangolari alla base dei lunghi piccioli.
Lamina a contorno pių o meno circolare, partita in tre cinque lobi triangolari a margine dentato con nervature palmate pelosette.
Fiori peduncolati, riuniti a due-tre all'ascella delle foglie superiori.
Sostenuto da un caratteristico calicetto formato da tre brattee lanceolate, pelose, alternate ai sepali, il calice č a cinque sepali triangolari, appena fusi alla base.Corolla grande, a cinque petali rosa, con strie longitudinali violacee, stretti alla base ed espansi nella parte superiore con apice tronco e sinuato. Fiorisce tra maggio e giugno.
Specie ruderale č comune presso le case, discariche, lungo i sentieri e strade, negli incolti, su qualsiasi tipo di terreno.
Specie medicinale molto nota, i suoi infusi si usano per la depurazione del sangue, come rinfrescanti e per regolare l'intestino.
Il nome deriva dal greco "malachč"=lumaca in riferimento ai succhi mucillaginosi contenuti nella pianta, simili alla bava delle chiocciole.
va a Malva thuringiaca
torna a M
torna all'indice