(fotografata a Monte San Magno- Monti Ausoni-Lazio
substrato: prato calcareo)

Ophrys bertolonii Moretti
OFRIDE DI BERTOLONI

Orchidaceae. Pianta alta dai 10 ai 40 cm, con fusto pił robusto in basso e pił flessuoso verso l'alto. Foglie inferiori oblungo-lanceolate, riunite a rosetta. Foglie superiori erette e guainanti il fusto. Infiorescenza lassa, con 2-7 fiori. Brattee fogliacee pił lunghe dell'ovario. Sepali leggermente concavi, distesi, quelli esterni rivolti all'indietro, di colore rosa o pił raramente bianchi, con una nervatura centrale verde. Petali appuntiti, di colore rosa-violaceo, anche molto scuro, con margine ciliato. Labello a sella, convesso lateralmente, intero o trilobato, ricoperto da una folta peluria bruna, ad eccezione della macula lucida, a forma di scudo, con riflessi bluastri. Cavitą stigmatica quadrangolare, pił alta che larga. Gimnostemio lungo, acuto; connettivo munito di rostro.
Fiorisce marzo a giugno.
Praterie, garighe, cespuglieti e pascoli sassosi, fino a 1000 m di altitudine, su suolo calcareo.
Il nome specifico ricorda il medico e botanico bolognese A. Bertoloni, che visse tra la fine del '700 e la metą dell'800.
va a Ophrys bertoloniiformis
torna a O
torna all'indice