(fotografata a Pietra di Monte - Monti Aurunci - Lazio)

Orchis anthropophora (L.) All.
OMETTI


Orchidaceae. Fusto gracile, interamamente verde, pianta h.10-40 cm. Foglie basali oblunghe-lanceolate, con nervature evidenti, le poche cauline abbraccianti il fusto, più piccole fino a bratteiformi. Brattee verdi e acuminate, più brevi dell’ovario. Infiorescenza stretta e allungata, con fiori di grandezza media. Perianzio: casco chiuso, verde con bordature rosse all’esterno, punte libere e poco acuminate. Labello con i 3 lobi e i 2 lobuli stretti e allungati, lobuli del mediano più corti dei laterali, con dentino assente o poco evidente; colore giallo-verdastro con bordi bruno-rossastri. Sperone assente.Fiorisce da aprile a luglio.
Prati, garighe e cespuglieti da piena luce a mezz’ombra, pref. su calcare, fino a 1600 m.
Mediterranea-atlantica. In Italia è diffusa soprattutto nelle aree costiere, rara al Nord e assente in Trentino–A.Adige, Friuli-V.Giulia e Val d’Aosta.
Il nome deriva dal greco “portatrice di uomini” per l’aspetto dei fiori, simili a ometti appesi.
va a Orchis brancifortii
torna a O
torna all'indice