(fotografato al Gran Sasso-Abruzzo)
Papaver alpinum L. subsp. ernesti-mayeri Markgr.


Papaveracee. Fusto rivestito di peli rigidi, alto 3-20 cm., unifloro. Foglie basali disposte in rosetta, glauche, pelose per peli setolosi,semplicemente pennato-partite con 2-4 paia di segmenti lanceolati.
Fiori color giallo-oro, misuranti fino a 5 cm.Fiorisce in luglio agosto. Sepali 2, ovali, ottusi, pelosi per peli ispidi, presto caduchi.
La capsula matura è lunga circa 1,50 cm, si apre alla sommità e presenta evidenti nervature ed il residuo dello stimma.
1500- 3040 m. Macereti, su calcare e rocce primitive. Pirenei, Alpi meridionali, Appennino centrale, Penisola balcanica.
Il nome deriva dal celtico "papa" = pappa per i bambini,  evidenzia come, probabilmente in passato fosse unito ai cibi, in particolare quelli dei bambini per conciliarne il sonno.
va a Papaver argemone
torna a P
torna all'indice