(fotografato ad Amaseno - Monti Ausoni - Lazio)
Papaver rhoeas L.
ROSOLACCIO

Papaveracee. Pianta annua, ispida, setolosa, da 30 a 50 cm; foglie lobato-pennate, corolla rossa, i cui petali talvolta hanno una macchia nera alla base; filamenti viola scuro,stigma a forma di disco con 8-12 raggi, il frutto Ŕ una capsula di 1 cm di diametro, rigonfia, urceolata e glabra.
Fiorisce a maggio-luglio.
Campi di cereali e ambienti ruderali sassosi, dalla pianura fino a 1000 m. Diffusa in tutta Europa.
Il nome specifico in greco designava una specie selvatica di papavero.
Un tempo era usato come pianta medicinale per le proprietÓ calmanti.L'accostamento tra questo fiore e le coltivazioni di frumento Ŕ antichissimo: Cerere, la dea latina delle messi e dell'agricoltura, in genere era raffigurata con una ghirlanda di papaver rhoeas.
va a Papaver setigerum
torna a P
torna all'indice