(fotografata a Li punti Sassari
foto di Filippo detto Finieddu)

Reseda alba L.
RESEDA BIANCA

Resedaceae.Pianta biennale o perenne con radice a fittone, alta da 30 - 150 cm con fusto eretto, glabro, striato semplice o ramoso, nella parte superiore.
Foglie tutte pennatosette con racemo allungato lineare.
Infiorescenza a racemo molto allungato con fiori con 5 petali di color bianco.Fiorisce da maggio a settembre.
Frutto capsula eretta globosa lunga di 4-5 mm. divisa in 3 o pi¨ lobi appuntiti, con numerosi semi marroni lisci e lucenti.
Cresce spontanea su sentieri, greti, pietraie, luoghi incolti e ghiaiosi, spesso anche su terreni di riporto, nelle cave ed in zone ruderali, preferibilmente su terreni calcarei, dal piano fino a 1300 m.
Presente in tutte le regioni italiane, isole comprese.
Il nome del genere reseda= calma, che lenisce il dolore, deriva dal latino, come anche quella della intera famiglia, le cui piante contengono sostanze calmanti.
Pianta officinale.La farmacopea tradizionale le attribuisce proprietÓ calmanti, sudorifere, diuretiche ed antireumatiche, contenute nelle sommitÓ fiorifere essiccate.
Tutte le piante della famiglia delle Resedaceae, ma soprattutto la Reseda biondella, erano conosciute ed usate ampiamente per le loro proprietÓ coloranti, fino alla scoperta dell'uso dei coloranti chimici.
va a reseda phyteuma
torna a R
torna all'indice