(fotografata al Lago Albano - Lazio)


(fotografata a Cuccuru Su Corvu - Sardegna)
Rubia peregrina L.
ROBBIA SELVATICA


Rubiaceae. Suffruttice perenne sempreverde, scabro h. 30-120 cm munito di radici lunghe striscianti. I fusti con 4 angoli estremamente alati,di 1 -2 mm, sono legnosi e persistenti nella parte basale, nella parte superiore diffusi-rampicanti o sdraiati, tenaci e flessibili, provvisti di numerose ramificazioni che si aggrovigliano le une con le altre per la presenze sugli spigoli di brevi uncini ricurvi verso il basso.
Le foglie sono verticillate da 3-6(8),generalmente sessili, ad una sola nervatura, lanceolate,lucide,scabre, persistenti e coriacee, non caduche, corredate di aculei sui bordi e sulle nervature centrali.
Infiorescenza cimosa-panicolata,formata da densi grappoli ascellari, opposti, o terminali, peduncolati, provvisti di brattee lanceolate, che portano numerosi fiori, privi di calice e con una corolla rotata verde-giallastra, di 5-7 mm di diametro, a tubo breve campanulato, con 4, 5, 6 lobi ovati saldati alla base, che si restringono bruscamente all'apice con una punta aristata.
Fiori ermafroditi, 5 stami che si inseriscono sul tubo a filamenti brevi, antere quasi rotonde e stili 2 saldati un poco alla base, terminanti con una capocchia stimmatica.Ovario infero, Il frutto Ŕ una drupa nera, lucida, liscia e carnosa dentro la quale si sviluppa un solo monocarpo globoso di ca 4 mm, simile ad una bacca.Fiorisce da aprile a giugno.
Specie con areale limitato alle coste mediterranee, (area dell'Olivo). Specie termofila e calcifila,che cresce sia in pieno sole,sia a mezz'ombra, tipica della macchia mediterranea, habitat preferito laccete rade, quercete, pinete, su suoli da molto secchi a secchi, da 0 a 1000 m.
Presente in Lombardia, Emilia- Romagna, Marche, Umbria, Abruzzo, Basilicata, Sicilia e Sardegna.
Il nome del genere "rubbia" deriva dal latino ruber = rosso per le proprietÓ tintorie delle sue radici, particolarmente la specie Rubia tinctorum L. che veniva coltivata per questi usi. Il nome specifico peregrina forse dal latino peragrare= percorrere, per =oltre, ager =campo, territori, nel senso di estendersi, di espandersi con facilitÓ.
La robbia ha proprietÓ diuretiche,emmenagoghe, lassative e toniche. La materia colorante viene estratta anche dalle radici della R. peregrina s.l.

Specie affini:
Rubia peregrina L. subsp. longifolia (Poir.)
con foglie strettamente lanceolate, quasi lineari, molto lunghe. Presente in Friuli-Venezia Giulia,Toscana, Puglia, Sicilia e Sardegna.
Rubia peregrina L.subsp. requienii (Duby) Endemica della Sardegna, Corsica, Capri e Sud Italia.

Specie congenere:
Rubia tinctorum L.
Rubia domestica, pianta erbacea con foglie caduche con 3 nervature a reticolo e corolla a coppa con lacinie arrotondate.Antere lineari-oblunghe. Stigma a clava. Pianta pi¨ delicata e coltivata di colore pi¨ vivo, che venne introdotta in Europa dall'Oriente, dalla cui radice si estraeva la tintura rossa per tessuti e dipinti. Presente in alcune regioni d' Italia.

Scheda realizzata da Mirna Medri dal sito actanaturae

va a Ruscus aculeatus
torna a R
torna all'indice