(fotografata sul Monte Pellecchia- Monti Lucretili-Lazio)
Saxifraga granulata L.

Saxifragaceae.Pianta perenne che raggiunge una quarantina di cm di altezza. Forma cespi poco folti che di originano da una rosetta basale fogliata. Le foglie sono lungamente picciolate, arrotondato-reniformi, profondamente dentate, lanuginose e ghiandolose. All'ascella di queste foglie si forma un gran numero di bulbilli, spesso di colore rosato. I fusti sono, il più delle volte, semplici, raramente ramificati, vischiosi e ghiandolosi.
Hanno rade foglie quasi sessili, subovoidali, il cui apice è profondamente bilobato.
I fiori sono piccoli, pure ghiandolosi, con sepali saldati alla base; la corolla bianca è tre volta più lunga del calice, il frutto è una capsula larga. Fiorisce da maggio a giugno nei prati asciutti, i pendii e le scarpate, lungo il limitare delle foreste, può crescere su vecchi muri.
Comune in tutta Europa, dal Marocco alla Penisola Iberica, a Sud, fino all'ovest della Russia europea, in Scandinavia.
Tutta la pianta ha un sapore acido, per cui il bestiame la evita. La medicina popolare la usava un tempo per sciogliere i calcoli renali.
va a Saxifraga hosti
torna a S
torna all'indice