(fotografata al Monte Puzzillo - Massiccio del Velino -Abruzzo)
Scabiosa graminifolia L. = LOMELOSIA GRAMINIFOLIA (L.) Greuter & Burdet
VEDOVINA STRISCIANTE


Caprifoliaceae . Pianta di 20-40 cm, a cespuglio strisciante, con fusti fioriferi ascendenti - eretti, legnosetti solo alla base erbacei e vellutati superiormente, con nella parte inferiore numerose foglie fitte, lineari, intere, erette lunghe 5-8 cm. e larche 2-5 mm. ad apice acuto, di colore verde argenteo con riflessi sericei.
Alla sommità lo scapo porta una unica infiorescenza a capolino del diametro di circa 4 cm, globosa alla fruttificazione, brattee involucrali intere e pubescenti più corte dei fiori, calice a tubo aderente all’ovario infero, con 5 reste giallastre che sorpassano appena la la corona dell’involucretto.
Corolla gamopetala, con tubo conico a 5 lobi diseguali, i superiori assai più corti degli inferiori, di un bel colore azzurrognolo più o meno pallido con sfumature viola, lunga nei fiori periferici esterni (più sviluppati) fino a 20 mm mentre è di 10 mm in quelli centrali. Il frutto è un achenio di 3-4 mm irto di peli.Fiorisce Giugno-Luglio
Sassi e rupi, pascoli ardi, su terreni calcarei, fino a 1.300 (2.000) m. Aree montagnose dell’Europa Meridionale- E’ specie propria delle montagne alpine e prealpine e vegeta anche sulle Alpi Apuane ed in alcune zone appenniniche.
E' presente in Piemonte, Lombardia, Veneto, Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Toscana, Umbria, Marche, Lazio, Abruzzo, Molise.
Scabiosa si riferisce al suo uso contro la scabbia, graminifolia per la forma delle foglie simili a quelle delle graminacee.
va a Scabiosa holosericea
torna a S
torna all'indice