(fotografato all'isola di Cres-Croazia)
Sedum telephium L.
erba di S.Giovanni o fava grassa

Crassulacee. Fusto eretto, 20-60 cm.Foglie ovali-oblunghe, carnose color verde-pallido. Fiori in pannocchie, giallo verdognoli o di colore variabile, da rosa a rosso-scuro (sottospecie purpureum). Forisce da giugno a settembre. Foglie smussate, irregolarmente seghettate, alterne, opposte o in verticilli, sessili.
Fessure rocciose, pendii sassosi, prati magri, boschi di montagna chiari, in terreni sassosi ma ricchi di elementi nutritivi; pianta rara.
Vecchia pianta medicinale, già in uso presso gli antichi romani. I principi attivi della fava grassa sono tutt'ora ignoti.
Il nome del genere deriva dal latino sedeo = mi siedo, per il portamento prostrato ed il tipico modo di adagiarsi e radicarsi al suolo ed alle rocce di molte specie di questo genere, oppure con significato di sedare o calmare, per l’azione ritenuta rinfrescante e calmante delle sue foglie.
va a semprevivum arachnoideum
torna a S
torna all'indice