(fotografato al Mongioie Alpi Liguri-Piemonte
foto di Marina Zerbato)

Sedum anacampseros L. = Hylotelephium anacampseros (L.) H. Ohba

Crassulaceae. pianta succulenta, perenne, robusta, glabra e glauca di 10 -30 cm di altezza con fusti fioriferi eretti e getti sterili striscianti e legnosi terminanti con un ciuffo di foglie.
Foglie alterne, ristrette alla base ma non picciuolate, obvate- spatolate, intere, glauche, carnose, sessili, lunghe da 1,5 a 3 cm.
Infiorescenze in cime corimbiformi sferiche, molte dense e multifiorali. Corolle a 4- 5 petali (anche 6 petali) di un color rosso-purpureo di 8- 12 mm., carene verdastre e cime a forma di cappuccio, ca. 1,5 volte la lunghezza del calice. Sepali 5 lunghi 4 mm a punte ripiegate verso l’interno.Fiorisce da luglio ad agosto.
Frutti a follicolo.
Frane e detriti ghiaiosi, rocce, generalmente su terreni silicei da 1000 a 2700 m di altitudine.
Trentino occidentale e nel Bresciano , nelle Alpi Marittime, Appennino Ligure e Tosco- Emiliano fino a Corno le Scale.
Orofita SW. Europ. Areale gravitante specialmente sulla Penisola Iberica, talora anche Massiccio Centrale: raro o mancante sui Balcani.
Possibile confusione col Sedum spurium Bieb.- borracina caucasica o sedo del Caucaso , pianta succulenta di 5-20 cm, con fusto prostrato e radicante, le cime fiorifere ramose ed erette, foglie obvate o obcuneate, con dentelli all’apice. Corimbi densi da rosei a purpurei con corolla di 16-20 mm.
Il nome del genere Sedum deriva dal latino “sedere” con allusione al portamentodella pianta che si adagia sul suolo dove vegeta o dal latino” sedare”= calmare, addolcire con allusione alle proprietà rinfrescanti e medicinali di alcune specie di questo genere. Mentre il nome specifico anacampseros deriva dal greco” anakamptein”(=ripiegare ) riferendosi probabilmente ai sepali ripiegati verso l’interno .
Scheda creata per Amint da Mirna e Attilio Marzorati
va a sedum atratum
torna a S
torna all'indice