(fotografata sul Monte Velino-Abruzzo)


(fotografata sul Gargano-Puglia)


(fotografata a Kalavrita -Peloponneso - Grecia)


(fotografata a Monte Ochi-Evia- Grecia)
Sideritis italica (Mill.) Greuter & Burdet
STREGONA ITALICA, THE' DI MONTAGNA


Lamiaceae.Pianta perenne , suffruticosa, alta fino a 40 cm, con fiori ermafroditi.Fiorisce da maggio a luglio.
Cresce tra i 1500m e i 1900m, in ambienti di gariga o di prateria mediterranea. Predilige esposizioni soleggiate e terreni calcareo-sabbiosi ben drenati.
Umbria, Marche, Lazio, Abruzzo,Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia.
Il nome del genere deriva dal gr. 'sÝderos, -o'', ferro, probabilmente per la capacitÓ di alcune piante di questo genere di curare le ferite prodotte da arma bianca. GiÓ Dioscoride e Plinio utilizzavano questo nome. L'epiteto specifico dal lat. 'italicus, -a, -u'', con riferimento all'endemicitÓ della specie.
Foglie e fiori di S. italica contengono olii essenziali volatili con proprietÓ antibatteriche e antiossidanti, hanno un aroma gradevole simile a quello della salvia e vengono utilizzati in tisane e infusi decongestionanti contro raffreddori e sinusiti.
In Grecia Ŕ utilizzata per preparare una tisana chiamata "tsai vounýsio", tŔ di montagna. Viene anche utilizzata in Albania, in Macedonia ed in Bulgaria. ╚ utilizzato come infuso per decongestionare. ╚ ottimo per alleviare sinusiti, raffreddori, calmare la tosse ed Ŕ un ottimo integratore di ferro. Si prendono 2/3 pezzettini di erba, e li si cuoce in acqua bollente per 2-3 minuti. In alternativa ci si versa sopra dell'acqua bollente e si lascia in infusione nella tazza coperta per 10 minuti. ╚ ottimo sia caldo che freddo.
va a Sideritis romana
torna a S
torna all'indice