(fotografata al Giardino Alpino di Campo Imperatore-Gran Sasso- Abruzzo)

Silene quadridentata (Murray) = Heliosperma pusillum (Waldst. & Kit.) Rchb.= Silene pusilla Waldst. & Kit. subsp. Pusilla
SILENE DELLE FONTI

Caryophyllaceae. Fusto ramoso-corimboso, pubescente in basso, e vischioso in alto. Foglie basali lineari-spatolate, formanti rosette irregolari, le cauline lineari spesso regolarmente patenti-ricurve. Fiori su peduncoli di 2-4 cm, diametro 8 mm ca. Calice di 4-5 mm, glabro, raramente con ghiandole sparse molto brevi, con tre denti calicini semiellittici, arrotondati, gli altri due allungati. Petali bianchi (raramente rosa pallido) da smarginati a quadridentati, glabri. Stili 3. Capsula( uguale o di poco superante il calice) di 4 mm, senza setti basali, con 6 denti patenti a stella.Fiorisce da Giugno ad Agosto
Carpoforo 1-1,5 mm. Semi con una cresta di papille dorsali pari ad almeno un terzo del diametro. Orofita S-Europea. Rupi stillicidiose, sorgenti, rivi generalmente dai 1000 fino ai 2500 m..
Distribuzione in Italia: Presente in buona parte del territorio nazionale, manca in Liguria, Emilia Romagna, Toscana, Puglia, Calabria, Sicilia e Sardegna. Dubbia in Piemonte e Val d'Aosta.
Emicriptofita cespitosa (Pianta perennante per mezzo di gemme poste a livello del terreno e con aspetto di ciuffi serrati.)
Il termine generico deriva da Sileno, mitologico compagno di Bacco, che aveva un ventre protuberante e gonfio come un otre: così infatti appare il calice di molte specie appartenenti a questo genere. Il termine specifico dal latino pusíllus diminutivo di "púsio" = fanciullo, ovvero piccolino, probabilmente per le dimensioni del fiore.
Scheda realizzata da Gianluca Nicolella tratta dal sito actaplantarum

va a Silene sedoises
torna a S
torna all'indice