(fotografata ai Monti della Renga- Simbruini-Abruzzo
substrato, ambiente: faggeta calcarea)


(fotografata a Monte Cucco - Umbria)
Solidago virgaurea L.
VERGA D'ORO


Asteraceae. Pianta eretta di 20-100 cm, foglie oblungo ellittiche, lunghe 3-4 volte la larghezza, generalmente dentate, capolini fiorali lunghi 7-8 mm, larghi 10-15 mm, in pannocchie erette o racemi, che si diffondono attorno al fusto; fiori radiati 6-12 pi¨ lunghi delle brattee lineari, giallo verdastre, con margine secco e membranoso. Fiorisce da luglio ad ottobre.
Boschi misti e decidui, erbosi, brughiere, bordi delle siepi, pascoli poveri, rocce, scogliere e dune; da comune a molto diffusa, Europa.
Il nome generico solidago deriva dal verbo latino "solidare" che significa "rendere sano, rinforzare" in riferimento ai presunti poteri curativi della pianta, nel medioevo utilizzata per la cura delle ferite, con proprietÓ astringenti,diuretiche, per curare i reni o ulcere a bocca e gola; il nome popolare "verga d'oro" Ŕ un chiaro riferimento all'infiorescenza allungata che porta numerosi capolini di colore giallo dorato.
va a sonchus arvensis
torna a S
torna all'indice