(fotografata al Monte Redentore-Monti Aurunci-Lazio)


(fotografata al Monte Malaina -Monti Lepini-Lazio)
Spiranthes spiralis (L.) Chevall.
TRECCIA DI DAMA


Orchidaceae. Pianta alta dai 10 ai 40 cm., con fusto gracile, pubescente, che emerge lateralmente dalla rosetta basale. Foglie 3-7 basali disposte in rosetta, ovali e appuntite, lucide. Foglie caulinari piccole e guainanti, brattee pubescenti, uguali o poco più corte dell’ovario. La rosetta basale presente durante la fioritura appartiene alla pianta che fiorirà l’anno successivo ed è destinata a sparire alla comparsa del nuovo fusto.
Infiorescenza slanciata e sottile, elicoidale, con 3-20 piccoli fiori bianco-verdastri, profumati. Sepali esterni un po’ allargati; sepalo mediano e petali conniventi con il labello a formare uno stretto tubo bianco, verdastro alla base. Bordo del labello ondulato. Ovario fusiforme e pubescente.Fiorisce settembre ottobre E’ l’unica orchidea italiana che fiorisce in autunno.
Prati, margini di bosco, pascoli, incolti, più frequentemente su suoli calcarei da 0 a 1000 m di altitudine.
Euromediterraneo,presente in tutte le regioni italiane meno frequente al nord.
Somiglianze e varietà
Spiranthes aestivalis (Poir.) Rich che fiorisce a giugno-luglio, è calcifuga e cresce nelle zone umide ed anche in ambiente salso. Presente solo in alcune regioni italiane, dalla zona alpina alla Toscana e in Sardegna.
Il nome (sia generico Spiranthes che specifico spiralis) deriva dalla forma dell'infiorescenza, dal greco  ”speira” = spira e ”anthos” = fiore.
va a Stachys alopecuros
torna a S
torna all'indice