(fotografata al Gransasso- Abruzzo)
Veronica beccabunga L.

Plantaginaceae Pianta di 20-60 cm carnosa. I fusti cavi permettono all'ossigeno ed ad altri gas di essere trasferiti dalle parti in superficie della pianta alle radici che dipendono dall'ossigeno pere la respirazione. Foglie da decisamente ellittiche a rotondeggianti, lunghe 1-4 cm,brevemente peduncolate, irregolarmente ma decisamente seghettate; Fiori in racemi ascellari opposti; corolla di colore blu cielo.Fiorisce da maggio a settembre. Argine dei fiumi, fossi, sorgenti, marcite e prati umidi, da molto diffusa a comune. Europa.
Il nome beccabunga deriva dal tedesco beck, torrente, e si riferisce al fatto che la pianta vive lungo i corsi d'acqua. L'origine del nome Veronica Ŕ incerta, secondo alcuni deriverebbe dalle parole latine vera e unica, nel senso di vera e straordinaria, con riferimento alle supposte proprietÓ medicinali di alcune specie di questo genere (diuretiche, disintossicanti).
va a Veronica chamaedrys
torna a V
torna all'indice