(fotografata a Campo di Montelanico-Monti Lepini-Lazio)
Viola riviniana Rchb.
VIOLA DI RIVINUS

Violaceae. Pianta di 5-30 cm , con fusti aerei eretti e foglie in rosetta basale, glabri, foglie lungamente piccolate, decisamente cuoriformi-reniformi di colore verde-scuro, lunghe 3-5 cm, con margine crenato; stipole lanceolate, frangiate come i denti di un pettine; fiori alle ascelle fogliari, con corolla di colore viola chiaro, lunga 14-22 mm; petali che generalmente si sovrappongono, sperone biancastro, spesso lungo 3 mm, solcato all'apice, appendici dei sepali acuminati lunghe 2-3 mm, spesso smarginate. Fiorisce da marzo a giugno.
Boschi misti e cedui, siepi, brughiere, rocce di montagna, diffusa in quasi tutta Europa.
I'aggettivo Riviviana ricorda il botanico Rivinus, morto nel 1723.
possibili confusioni: Molto simile al congenere Viola reichenbachiana Jord. ex Boreau per cui la confusione č facilissima anche per lo stesso tipo di habitat e di diffusione. Quest'ultima si differenzia principalmente per avere lo sperone pių sottile e diritto, violetto scuro, i petali che generalmente sono pių stretti rispetto alla riviniana e le appendici dei sepali molto pių ridotte. Le stipole hanno le fimbrie pių allungate (fino ad eguagliare la larghezza di esse) e le foglie generalmente meno larghe. Esistono varie forme intermediarie e possibili ibridazioni fra le due specie.

va a Viola rupestris
torna a V
torna all'indice